print preview

Basi delle carte

Per l’allestimento delle carte sono necessarie diverse fasi individuali di lavoro. Da un aereo si scattano con una fotocamera delle fotografie della Svizzera. Queste immagini sono georeferenziate e successivamente valutate in base alla misurazione. Questi dati sono rilevati e salvati nel modello topografico del paesaggio. La cartografia elabora in seguito le carte nazionali, basandosi su questi dati altamente precisi.

Geodesia

Ingegnere catastale con strumento di misurazione sul terreno
Ingegnere catastale sul terreno

La geodesia, o misurazione, fornisce le basi per rappresentare la superficie terrestre con l’indicazione del posizionamento e dell’altezza. Con l’ausilio di una proiezione della carta si riesce a trasferire una superficie terrestre tridimensionale su un piano bidimensionale. 

Essendo la Terra una sfera irregolare è inevitabile che ogni riproduzione presenti delle distorsioni. Per questo motivo bisogna optare per una proiezione specifica che presenti meno distorsioni possibili sul territorio da rappresentare. 

Già nel 1935 swisstopo optò per la proiezione cilindrica, ad asse obliquo e fedele all’angolo, sempre ancora utilizzata sulle odierne carte nazionali. Per contro, le carte di Dufour e Siegfried si basavano ancora su una proiezione conica. 

Per la misurazione pratica esistono delle reti di punti fissi geodetici planimetrici e altimetrici. 

Il punto zero della rete di punti fissi planimetrici si trova a Berna con i valori delle coordinate  E = 2'600'000 m (est) e N = 1'200'000 m (nord). Questi valori delle coordinate sono, tra l’altro, indicati sul margine delle carte stampate. 

Il punto di partenza del sistema altimetrico svizzero si trova al «Repère  Pierre du Niton» a Ginevra, a un’altezza di  373,6 m.

Topografia

Prendendo come fondamento le basi geodetiche si eseguono ulteriori fasi di lavoro. Un velivolo equipaggiato di una camera aerea ad alta risoluzione fotografa il paesaggio dall’alto. Anche queste immagini sono distorte e vanno georeferenziate. Solo a partire da questo momento queste immagini possono essere valutate e utilizzate a livello fotogrammetrico. 

Occasionalmente singole situazioni non chiare sono verificate direttamente sul terreno. 

Dall’aereo con il laserscanning si ottengono anche altezze altamente precise del rilievo o degli oggetti. 

I dati ottenuti con questi metodi sono elaborati in un set di geodati tridimensionali e sono, in parte, completati con dati provenienti da altre fonti. Il modello paesaggistico e altimetrico così derivato costituisce la base per l’allestimento delle carte.

Cartografia

Sulla base del modello topografico del paesaggio, la cartografia si occupa dell’approntamento delle carte nazionali. Queste ultime comprendono le carte topografiche in forma analogica e digitale (dati cartografici) e rappresentano il territorio nazionale svizzero nonché quello delle regioni limitrofe. L’attualizzazione periodica avviene almeno ogni sei anni. 

Se necessario, dalle carte nazionali stampate è possibile realizzare delle composizioni di carte. Queste ultime si differenziano dal consueto sommario dei fogli standard. Per scopi militari swisstopo allestisce, in accordo con l’esercito, anche delle esecuzioni speciali. Inoltre, si creano ulteriori prodotti nell’ambito del mandato giuridico, come per esempio le carte aeronautiche e le carte geologiche, ecc. 


Ufficio federale di topografia swisstopo Seftigenstrasse 264
Casella postale
3084 Wabern
Tel.
+41 58 469 01 11

E-Mail


Servizio competente

Cartografia
E-Mail

Ufficio federale di topografia swisstopo

Seftigenstrasse 264
Casella postale
3084 Wabern

Mappa

Vedi mappa