print preview

Dübendorf - servizio aereo

I «favolosi Anni Venti» sono stati un periodo d’oro anche per la topografia: gli ingegneri iniziarono infatti allora a solcare l’aria nel vero senso della parola.

Biplano, dietro al pilota c'è il fotogrado e tiene in mano una telecamera con cui scatta fotografie del territorio sottostante.
A quei tempi era d’uso: ripresa diagonale a mani nude dall’aereo negli Anni Trenta.

Già nel 1913 avevano infatti intrapreso primi timidi tentativi in questa direzione per mezzo di un pallone fermatosi nella zona di Münsingen - Belp. Il secondo tentativo degno di nota fu realizzato dieci anni più tardi quando, il 16 ottobre 1923, l’allora direttore della sezione L+T di topografia della direzione aerea di Dübendorf avanzò la richiesta di «poter aver l’autorizzazione a usufruire degli aerei, delle macchine fotografiche, dei velivoli e degli osservatori a beneficio dei sottoscritti e di un ingegnere». Iniziò così la collaborazione con Dübendorf. Fino agli Anni Cinquanta, il velivolo continuò però a decollare da Thun.

Nel 1927 anche il secondo istituto di misurazione svizzero, la Direzione federale delle misurazioni catastali, avviò i primi esperimenti: nel 1929 la V+D inaugurò il suo primo velivolo, dovendo però rispettare criteri differenti a causa della diversa disposizione di ripresa con parametri d’immagini più grandi e quindi altezze di volo inferiori.

All’inizio il lavoro dei piloti e degli operatori fotografici era piuttosto pericoloso e si verificò più di un incidente mortale. Il 14 ottobre 1927 precipitò ad esempio lo Zepp LZ CII che provocò la morte del pilota e dell’ingegnere. La fotocamera aerea, la prima della serie creata dall’azienda di recente fondazione Wild Heerbrugg, fu al contrario rinvenuta indenne. 

Documentazione


Ufficio federale di topografia swisstopo Seftigenstrasse 264
Casella postale
3084 Wabern
Tel.
+41 58 469 01 11

E-Mail

Ufficio federale di topografia swisstopo

Seftigenstrasse 264
Casella postale
3084 Wabern

Mappa

Vedi mappa